It is currently Tue 30/May/2017 4:38


Post a new topicPost a reply Page 1 of 3   [ 51 posts ]
Go to page 1, 2, 3  Next
Author Message
 Post subject: OCCULTAMENTO VOLONTARIO
PostPosted: Sun 10/Oct/2010 7:18 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Buongiorno e buona domenica.

Mi sto avvicinando alla conoscenza di RastafarI e ho letto molte delle vostre discussioni.
C'è una cosa che non mi è chiara: non riesco a trovare i passi dell'Apocalisse in cui si dice che Cristo nella sua Venuta Regale ad un certo punto si 'occulti', come secondo voi ha fatto (e sta facendo) il Re Haile Selassie.
Come per ogni cosa di questo 'occultamento' deve esserci un fondamento scritturale e io non riesco a trovarlo.

Grazie e buona giornata di Pace.


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 11/Oct/2010 17:07 

Joined: Tue 01/Jul/2008 22:13
Posts: 292
Benedizioni nel Nome del Signore

L'occultamento volontario di Haile Selassie I è descritto dalle Scritture quando esse dicono che il Cristo Re permetterà ai Suoi servi di regnare assieme a Lui e di avere un potere come il Suo, e in questo è anche contemplato il Suo ritrarsi, a partire da un certo tempo del Regno, dalla scena politica. Questo è scritto in Apocalisse 20, 6 per esempio.

Vi sono anche passi dei Vangeli in cui il Messia, nostro Signore, si nasconde tra la gente ed ha il potere di non esser visto dagli uomini, potere che Dio, secondo la Tradizione Biblica Etiopica, dà anche ai Suoi Santi, non per fantascienza, ma per Potenza.

Il Cristo deve regnare Mille Anni (Apocalisse 20), e il mistero del Suo Occultamento non pone fine a questi mille anni, ma si colloca al loro interno. Egli Vive e Regna sul Trono d'Etiopia e del Mondo, dal 1930 fino ad oggi.

Haile Selassie ymasgan (sia ringraziato)


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 11/Oct/2010 17:33 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Caro amico grazie della risposta ma non mi sembra molto convincente anche se ho capito e concordo che non si parla di fine del Millennio ma del suo instaurarsi.

Apocalisse 20,6 non implica in alcun modo l'occultamento. E' scritto
"Regneranno CON lui i mille anni".
Se io regno con un altro non consegue che l'altro si occulti, basta che mi conceda il suo potere.
Tra l'altro l' occultamento del Negus ha posto fine all'Impero che storicamente non esiste più ed è stato sostitutito dal genocida Menghistu, mentre anche i Profeti ci parlano di un regno storico e politico che non avrà fine.

Diciamoci la verità; non vi è traccia nè nell'Apocalisse nè nei Profeti che il Messia Regale si occulti, questa è un elaborazione vostra non scritturale.
Altro è l'occultamento volontario dei Vangeli, in cui il Cristo è nella sua prima venuta quella di servo umiliato (il famoso passo di Isaia), non ha ancora sconfitto la morte, e necessita di occultarsi per compiere la sua Missione e non venire ucciso prima del tempo (cfr. l'episodio di Nazaret o il sommovimento dopo l'episodio dei mercanti del Tempio) .
Ma che si occulti nella Parusia, quando ha già sconfitto la Morte e viene in veste regale, questo è altro paio di maniche e non è scritturale, se questo è il riferimento dato.

Un caro saluto


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 11/Oct/2010 18:08 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Certo, bisognerebbe avere il testo greco davanti e vedere se il con, che generalmente traduce 'sun', non sia espresso da un'altra congiuzione in modo tale da poter essere reso come 'in sua vece' anzichè 'assieme a'; tuttavia quell' 'in sua vece' (oppure verificare nella letteratura greca della koinè se il 'sun' è usato come 'in sua vece') , che sarebbe l'unica soluzione tale da garantire una possibilità scritturale dell'occultamento, mi sembra un po' fuori contesto se si leggono i capitoli.

Ci sentiamo e buona serata Wolde Negus


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 11/Oct/2010 21:26 

Joined: Tue 01/Jul/2008 22:13
Posts: 292
Batrakos,

questo forum è stato creato non per opporre confutazioni alla Dottrina Rastafari, nè per screditarla. Lo scopo è quello di dare chiarimenti a quanti ne richiedano.

Il tuo linguaggio è sin da principio poco rispettoso e non umile. Sei perciò invitato a non ripetere altre affermazioni come "questa è una elaborazione vostra non scritturale, diciamoci la verità". Non abbiamo bisogno di chi giunga dal nulla a spiegarci la Fede delle Scritture e a darci indicazioni in casa nostra.

Venendo alla questione. La mia citazione di Apocalisse 20, laddove si parla dei santi che regnano col Cristo, è stata per indirizzare la metidazione sul fatto che l'occultamento è contemplato in quell'ottica che prevede che i santi regnino, seppure insieme a Cristo, anche autonomamente e con la Sua Autorità, ora che abbiamo il pieno potere di noi stessi e del Regno terreno, la Terra ("I giusti erediteranno la terra"). Certamente non è espresso esplicitamente che il Cristo debba occultarsi, nel passo da me citato, ma i fatti portano a comprendere la citazione in questa Luce.

Come già detto, è nelle capacità dell'Onnipotente il renderSi invisibile.
Ora, partendo dall'accettazione del fatto che Qadamawi Haile Selassie è Cristo; del fatto che Egli non può morire dopo la Resurrezione (Romani 6, ); che Egli non è visibile agli occhi dell'uomo ora, dobbiamo concludere che Egli, utilizzando il Suo Potere di rendersi invisibile -che non può essere negato-, si è occultato, nascosto. Questo comportamento il Cristo lo mostrò già nei Vangeli, per scopi diversi, ovviamente, ma lo mostro, quando si nascondeva fra la gente per non farsi vedere, e non essere preso da quanti volevano ucciderLo; nascostosi tra la gente, la gente stessa non lo vedeva. Questo episodio dimostra semplicemente che Egli usa nascondersi.

L'Occultamento ha posto fine, tautologicamente, solo alla Visione di Lui, da parte degli occhi dell'uomo. Non ha posto fine al Regno, poichè il Regno dura mille anni.
Ecco perchè commetti un errore molto grande quando stabilisci che il Regno terreno del Cristo, che pure sostieni essere descritto in Apocalisse 20, sarebbe indeterminato, infinito , eterno. Evidentemente, confondi il Regno del Figlio, la Parusìa, che è di mille anni, col Regno dei Cieli, che è eterno, e viene dopo la Resurrezione Universale, di cui Apocalisse 20, 11.
Il Suo Regno continua sull'Etiopia e sul Mondo Intero per mezzo nostro, Suoi Figli, I and I, sotto la Sua Guida; siamo la manifestazione del Governo teocratico del Re dei Re, consigliando i governi del mondo; praticando l'Insegnamento del Re, governiamo all'interno delle strutture politiche democratiche, sorte a seguito della sconfitta del male nazi fascista, che vide Vittorioso il Leone di Giuda, con il concludersi della Seconda Guerra Mondiale.


Comunque, il Sovrano Qadamawi Haile Selassie, si è gia manifestato due volte in Etiopia, dopo l'Occultamento, e durante il presente secolo, avvistato da bambini e sacerdoti, tanto da esser stato proclamato digiuno nazionale dalla Chiesa.


A tua disposizione per ogni altro chiarimento

Selamta


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 11/Oct/2010 23:35 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Wolde Negus,
un chiarimento passa per una confutazione, e dire che è un'elaborazione ma non è scritturale è un dato di fatto, visto che non c'è alcun riferimento esplicito all'Apocalisse (che è il testo in cui si parla della Seconda Venuta in maniera elaborata) nel tuo, pur validissimo, ragionamento e non capisco perchè la devi considerare offensiva dal momento che è argomentata e io non ho nulla in più di te, ma nemmeno tu hai nulla in più di me apriori.

Sull'occultamento nella prima venuta ti ho già risposto che esso è finalizzato a compiere la Missione di morire in croce e vincere la morte, e che non avrebbe senso in un Cristo Risorto e Glorificato (che dunque, come tu dici citando Paolo ha già sconfitto la morte) venuto a regnare sul Mondo e nemmeno c'è bisogno di sostenere che un Onnipotente possa occultarsi perchè se non lo potesse non sarebbe Onnipotente.
E non faccio alcuna confusione (a questo punto penso che sia tu a pensare che gli altri siano sempre manchevoli di preparazione), in quanto non è scritto in alcun punto dell'Apocalisse, e me lo dimostri nel tuo intervento anzi in entrambi, che durante il Regno Millenario (che so diverso dal regno dei Cieli) il Cristo si occulterà, e se su Matteo sta scritto che 'i miti [non i giusti, sono attitudini leggermente diverse, ma ora non ci interessa la sfumatura] erediteranno la Terra' non consegue che non possa essere presente ai sensi Cristo Regnante, per cui non c'è un collegamento deciso dato che nemmeno l'Apocalsse afferma nulla in merito di questo occultamento.
Si desume che l'Impero Etiope, se manifestazione del Cristo nella sua Potenza, non avrebbe dovuto cadere e invece è storicamente caduto, basta leggere la forma di governo attuale dell'Etiopia.
Sulle due manifestazioni: manifestarsi due volte a gruppi sporadici non è manifestarsi come regalità (dunque potenza anche politica) indiscussa ma è altra cosa e credo che tu sappia meglio di me in senso teologico la differenza che corre tra un'apparizone ed una manifestazione regale.
Inoltre, dato che tu affermi che la Chiesa Ortodossa Etiope ha pronunciato il digiuno in conseguenza dell'apparizione, e dato che a me suona strano perchè mi risulta che la Chiesa Etiope non riconosca la divinità del Re e dato che in Etiopia i giorni di digiuno sono numerosissimi per cui potrebbe Lui essersi manifestato in un giorno di digiuno già consacrato, mi farebbe piacere che tu motivassi la tua affermazione allegando il pronunciamento ufficiale o il testo in cui hai trovato la notizia.

Ti ripeto inoltre che del Messia Regale che si 'occulta' ai sensi non parla, o così mi sembra, nessun profeta biblico oltre a non dirlo l'Apocalisse.
Poichè l' Apocalisse non lo afferma, se io dico che è una vostra elaborazione (da ex-laboro lavoro da, cioè dalla vostra Fede che come ogni Fede è rispettabile, ma come ogni fede deduttiva) esegetica -che a me non convince ma questo ora non importa perchè io non sono nessuno per giudicare- e non un riferimento scritturale, che liquiderebbe la questione in modo definitivo, non mi pare di errare di superbia, perchè un'evidenza è tale indipendentemente da chi la mostra.


Shalom.


Last edited by Batrakos on Tue 12/Oct/2010 0:27, edited 1 time in total.

Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 15/Oct/2010 20:27 

Joined: Tue 01/Jul/2008 22:13
Posts: 292
Batrakos,

il Regno Millenario del Cristo non esclude che il Cristo Regnante possa occultarsi per un certo tempo. La Sua Gloria non viene meno, e il passo che dice "Tutti contempleranno il Suo Volto", si è già compiuto e si compirà con ogni uomo che generazione dopo generazione sarà in grado di vederLo; infatti, non siamo più nell'Epoca Antica, in cui il Cristo era ascoltato, ma mai visto, se non per riproduzione imperfetta e parziale delle icone sacre hanno, che sono un'ombra della realtà, non la realtà stessa; siamo invece in una Epoca Nuova, una Nuova Era, in cui il Volo di Dio è costantemente e permanentemente contemplabile in modo orignale e per fetto attraverso il mistero della riproduzione fedele della Fotografia, strumento dell'Epoca Messianica Regale.
La Gloria del Signore, dopo l'occultamento, non viene meno, poichè è manifesta nelle Sue opere e nei Suoi figli; ma anche quella Gloria che deriva dalla Sua presenza attuale qui ed ora, anche questa non viene meno, poichè la Sua Stessa Immagine è in ogni momento presente.

Non credo si possa continuare il nostro confronto, da parte tua, opponendo che l'Occultamento non si confa alla Regalità del Cristo, poichè, di fatti, non vi è una base per sostenerlo, nè scritturale nè logica; pertanto mi pare più che ingiusto, superfluo farlo.

Piuttosto, ritengo che, considerato il fatto che le Scritture non neghino per forza un occultamento volontario, sarebbe più prolifico ed utile soffermarsi su altri punti della fede, che chiariscano e provino che Haile Selassie I è il Cristo, il che porterebbe ad un'approccio differente riguardo l'occultamento volontario: se Sua Maestà Imperiale è Cristo, il Suo Sparimento avrà certamente un senso.

Le apparizioni del Re, ugualmente, non vogliono essere manifestazione di potenza regale, poichè tale Potenza si è gia manifestata ampiamente. Si tratta solo di dimostrazioni del Suo essere presente sulla Terra e vivo. Possiamo chiamarle sporadiche, io le definirei razionalmente stabilite.

La notizia del proclamato dalla Chiesa è ufficiosa, ma comunque degna di fede; qua trovi il comunicato informale, diffuso in ambito Rastafariano: http://www.rastaites.com/news/archives/2006/08.htm

Sarebbe eccessivo ipotizzare che chi ha riportato la notizia abbia commesso un errore così grande da non accorgersi che il digiuno non aveva nulla a che fare con l'apparizione; è evidente che ha trovato un forte collegamento tra i due eventi, per poter diffondere una simile notizia.

Il fatto che la Chiesa, poi, abbia agito in tal modo, nonostante gli etiopi generalmente non riconoscano il Re, non è strano. Infatti, innanzitutto, furono dei sacerdoti ad essere i primi testimoni dell'apparizione, interpretando la visione dei bambini e stabilendo CHI allora fu visto tra le fiamme e tra i leoni. In secondo luogo, non esiste alcuna dichiarazione ufficiale, nè da parte del Santo Sinodo Etiopico nè da parte di autorità ecclesiastiche che neghino la Divinità di Haile Selassie I; anzi, ti dirò di più, ci sono molte manifestazioni mistiche che testimoniano la fede, spesso celata, della Chiesa verso Sua Maestà.


Ho scritto questo: "Ecco perchè commetti un errore molto grande quando stabilisci che il Regno terreno del Cristo, che pure sostieni essere descritto in Apocalisse 20, sarebbe indeterminato, infinito , eterno. Evidentemente, confondi il Regno del Figlio, la Parusìa, che è di mille anni, col Regno dei Cieli, che è eterno, e viene dopo la Resurrezione Universale, di cui Apocalisse 20, 11." in riferimento alla tua seguente affermazione: "Tra l'altro l' occultamento del Negus ha posto fine all'Impero che storicamente non esiste più ed è stato sostitutito dal genocida Menghistu, mentre anche i Profeti ci parlano di un regno storico e politico che non avrà fine. "

Ora, mi ripeto: il Regno di cui parlano i Profeti ha fine, se parliamo del Regno Millenario; infatti è Millenario, ovvero di mille anni, non infinito, e quei mille anni sono ancora in corso. Quello eterno ed infinito è il cosiddetto "Regno dei Cieli", che si instaura dopo il Giudizio universale e la Resurrezione generale, dopo la distruzione totale della Morte, e quando Tsyon (Sion) scende dai Cieli sulla Terra.

L'unica cosa cui mi sono opposto è stato il modo in cui hai concluso la tua argomentazione, a mio parere poco rispettoso e ingiustamente categorico e imperativo, considerata la natura e il proposito di questo forum.
Comunque, attendo una tua risposta.


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 15/Oct/2010 20:52 

Joined: Wed 12/May/2010 21:07
Posts: 107
Location: Brescia
Gesù Cristo, Jah Rastafari, the king of king, lord of lord, the conquering lion of the tribe of Judah....regnerà x sempre, lui ha creato tutto e sempre regnerà...e quando scenderà x il giudizio universale ci sarà spavento fra gli empi..quindi fratelli non stiamo qua a spulciare l'Apocalisse e discutere su cavilli o brani particolari...Dio è Dio...one love one on heart, one destiny...questo ci insegna e questo è l'importante...

Jah Bless....Rastafari live!

_________________
...rasta is not a religion, rasta is the life...


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 15/Oct/2010 23:45 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Wolde Negus,

che ti devo dire? A me hanno insegnato che l'onere della prova spetta a chi afferma, quindi per affermare una proposizione ci deve essere un riferimento scritturale mentre è vizioso affermare una teoria dicendo che non ci sono passi che la confutino, cioè 'non esclude che'. Capisci che è un cardine della scienza esegetica altrimenti si potrebbero fondare tantissime teorie.
E ancora non hai capito che io non faccio la confusione che mi imputi, anche se 'regno che non avrà fine' voleva essere una esemplificazione riduttiva, nel senso che chiunque abbia avuto un minimo di approccio ai Testi sa che ci sarà prima il millennio poi il Regno dei Cieli nonostante la confusione di stampo cattolico su questo. Se avessi fatto questa confusione avrei introdotto erroneamente il capitolo 21, quello del Regno dei Cieli.
Allora, ripeto, ci dicono i Profeti che Messia fonderà un Regno a cui si assoggetteranno tutte le Genti, intendendo un Regno in senso di struttura fisica e politica.
E' proprio sulla fine storica e politica del Regno terreno -l'Impero Etiope- che cade il discorso del Millennio, perchè il Regno del Messia, integrando l'Apocalisse, durerà per tutto il Millennio, finchè poi non si sarà nel Regno Celeste alla fine dei Tempi.
E proprio perchè il Negus dovrebbe essere il Cristo venuto a regnare come regnante politico e come autore di miracoli essenzialmente politici, il suo regno non può politicamente cadere.
Questo dovrebbe essere il metodo più consolidato di approccio ai testi, almeno a livello scolastico.

Ti ringrazio della precisazione delle apparizioni e della posizione della Chiesa Etiope, anche se pure qui, sulla divinità del Re, dovrebbe essere il Sinodo a pronunciarsi in modo positivo per tagliare la questione, e anche questa, devo dire è cosa strana: cioè che il Regno è caduto storicamente e che la sua Divinità non sia riconosciuta dalla Chiesa che lui stesso ha proclamato Chiesa del Regno.

Però è questione di metodo e rigore e -come dice Rasta Joseph con un legittimo atto di Fede- forse sarebbe bene sospendere qua, visto che poi capisco che dipende essenzialmente da una questione di Fede e su quello è bene attestarsi, anche perchè la vostra è una delle poche Fedi ad essere democratica e pluralista e non voglio essere io a mancarle di rispetto. Ero sinceramente partito convinto che un passo scritturale ci fosse e che mi sfuggisse, tutto qui.

Un caro saluto, Shalom


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Sun 17/Oct/2010 13:15 

Joined: Tue 01/Jul/2008 22:13
Posts: 292
Capisco il tuo punto, ma vorrei che anche il mio fose chiaro: sicuramente esiste un riferimento scritturale all'occultamento, infatti è scritto che il Signore non fanulla senza prima averlo mostrato ed annunciato profeticamente. Tuttavia, personalmente, non sono in grado di rintracciarlo con precisione.

A questo punto, sembra che il discorso si vada spostando, dalla questione dell'occultamento volontario (che può durare quanto vuole il Signore e quanto noi ancora non sappiamo, e che mi pare appurato possa verificarsi, nonostante la regalità, non in virtù del principio del "non è escluso che...", ma "è contemplabile anche che...", nel senso di affermare, positivamente, la possibilità che il Re, in quanto Onnipotente, possa occultarsi agli occhi del mondo, e non soltanto prevedendone la non-contraddittorietà col Ministero Regale, sebbene la differenza sia sottile) alla questione della fine politica della Monarchia etiopica.

Dai profeti sappiamo che il Governo del Cristo si estende al mondo intero, anche fuori Israele; questo non avviene per mezzo dell'imposizione, nè della missione armata di conquista coloniale, ma per mezzo dell'Educazione e della comunicazione civile e diplomatica, attraverso la quale i governi del mondo accettano volontariamente l'Esempio politico che il Cristo impartisce loro, a cominciare dall'instaurazione volontaria del Regime Democratico, sulle ceneri dei totalitarismi demoniaci.
Per questo, anche dove non è istituzionalmente e costituzionalmente regnante il nostro Re, anche la dove Egli non ha un Palazzo Imperiale, Lui governa, in primo luogo tramite il seme che ha gettato di persona nelle centinaia di visite diplomatiche in ogni Continente della Terra, dove ha anche seduto sui troni dei loro regnanti -e dunque si può dire abbia un Trono anche lì-, e in secondo luogo tramite i Suoi Principi, ovvero, quanti Lo hanno riconosciuto. Non vi è bisognoche Qadamawi Haile Selassie sia effettivamente visibilmente sovrano degli stati, poichè non si tratta di un processo di conquista visibile dall'alto, ma di educazione e convincimento che parte dalla consapevolezza democratica e pacifica, proveniente dal basso; è un modellare con mitezza gli stati, non annetterli politicamente.
Se diciamo che Egli regna anche fuori dell'Africa per questi motivi, ugualmente possiamo affermare che anche nell'odierna Etiopia, come Repubblica Federale, e non monarchica, Sua Maestà regna; nonostante i figli si stiano ribellando al Padre, ciò non significa che il Padre sia assente.

Vorrei inoltre notare che, secondo la Scrittura, "lo scettro non sarà tolto da Giuda, nè il bastone di comando di fra i suoi piedi finchè non giunga Colui cui è dovuta l'obbedienza delle genti" (Genesi 49, 10): il Cristo.
Se la monarchia davidica finisce all'improvviso, e l'Ultimo Regnante è la Personalità che, rispetto a tutti i predecessori, ha compiuto in tutto quel Ministero previsto per il solo Cristo, l'Ultimo Re è ragionevolmente il Cristo. Lo scettro è stato politicamente tolto da Giuda e dalla Casa Davidica, prima che i Mille anni si compissero. Se avessimo dovuto attendere i mille anni, il passo della Benedizione di Yaqob (Giacobbe), non sarebbe stato mai compreso: lo scettro andava tolto, non tenuto ancora per mille anni. E ciò nonostante, Qadamawi Haile Selassie Vive e Regna.

Benedizioni


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Sun 17/Oct/2010 15:57 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
La Scrittura non è un dizionario dove trovare una nozione alla sua voce corrispondente, quindi, anche se nella Bibbia c'è scritto tutto, non tutto può essere compreso e non tutto da tutti, ma sempre solo qualcosa, limitatamente alla nostra natura non assoluta e solo sempre in concessione della Grazia di Dio, che sola può guidarci alla comprensione della Bibbia. Se abbiamo la Grazia e l'intelligenza e la conoscenza (Tradizione) possiamo capire qualcosa, altrimenti nulla.

Il nipote di Abramo, Giacobbe/Israele, profetizzò che tra i suoi dodici figli, capostipiti delle altrettante tribù componenti il popolo di Israele, alla stirpe di Judah sarebbe spettato ospitare la regalità, e più specificamente, in seno a questa, il seme messianico (Genesi 49, 10): “Lo scettro non sarà rimosso da Yihuda né il bastone del comando tra i suoi piedi fino a che venga Shiloh/Colui al quale spetta l’obbedienza dei popoli”. Ancora nella Torah, nel libro dei Numeri, si parla del Messia come di “un astro che spunta da Giacobbe, uno scettro da Israele” (Numeri 24, 17). Sul finire dell’epoca degli shoftim (i “giudici”), la madre del profeta e nazireo Samuele, Anna, soggetta ad ispirazione, preannuncia che “il Signore giudicherà le estremità della terra, e darà forza al Suo Re, innalzerà la Potenza del Suo Mashiach”; tale passo è cruciale, potendosi a buon diritto considerare la prima evenienza biblica in cui al sovrano e redentore escatologico venga letteralmente applicato lo specifico titolo di Mashiach (ISamuele 2, 10).

Come diceva giustamente Wolde Negus, Giacobbe/Israele profetizzò "lo scettro non sarà tolto da Giuda, nè il bastone di comando di fra i suoi piedi finchè non giunga Colui cui è dovuta l'obbedienza delle genti" (Genesi 49, 10). Questa è la risposta alla domanda posta in questo topic, risposta che chiunque può palesemente leggere e comprendere nelle Scritture perchè la Bibbia lo esprime chiaramente, in maniera manifesta: il Regno Davidico, la Casa di Davide, cioè di Judah, essendo la Casa di Dio, non sarà mai distrutta nella storia, ma terminerà solo con l'arrivo del Re Messia, terminerà perchè troverà compimento. L'Etiopia infatti ha sempre avuto una stirpe reale davidica; lo scettro della Casa Reale Davidica è stato tolto solo con l'Avvento di His Majesty, perchè lo scettro ora è di Sua Maestà e non passerà a nessuno, Dio se lo è ripreso. Questo ci fa capire che "togliere lo scettro" significa che quando arriva Dio non c'è più motivo per una successione ereditaria dello scettro, perchè tale regno era in vista del Messia e, appena giunto il Messia Dio, viene annullato tale patto, annullato perchè trova compimento. Il Messia poi, acquisendo solo per Lui lo scettro, lo con-divide con il Suo popolo e i Suoi fedeli, quindi regna con loro per mille anni anche se si occulta.

Riflettendo infatti, come sarebbe possibile e spiegabile il Regno Millanario di Cristo se -lo scettro viene tolto- come dice la Bibbia? La risposta è proprio l'occultamento: cioè il Regno instaurato si manifesta proprio anche nell'occultamento di Dio che, acquisendo lo scettro per sempre e non donandolo più a nessun Suo successore (perchè non esiste nessun successore, dato che il Re è sempre vivo) condivide lo scettro con il mondo.


Dio è visibile e realmente presente nella carne sulla terra e regna realmente e regalmente, avendo instaurato il Regno Millenario. Regna con i Suoi fedeli, che lo vedono ogni giorno, regna non (solo) nei cuori, ma veramente, nelle Leggi che Egli ha instaurato e che reggono il mondo moderno e democratico, la convivenza internazionale, la condivisione della moralità mondiale. Lo Scettro di Judah della Casa di Davide, che è esistito per millenni per custodire il Trono su cui Dio si sarebbe seduto realmente alla fine dei tempi, si è "tolto"perchè appunto ora Dio si è manifestato, affinchè nessuno possa più sedersi, affinchè si comprenda chè la fine è il fine, cioè il compimento; affinchè si capisca che chi è vivo non può avere successori perchè la successione presuppone la morte. Per questo viene tolto lo scettro, perchè nessuno potrebbe più reggerlo. Infatti l'immagine dei regnanti davidici precedenti, che tenevano lo scettro, era prefigurazione del Regno Messianico, era in vista di Dio, per custodire una regalità sacra, per salvare e tramandare a Dio ciò che è di Dio. Ma ora che c'è Dio a Regnare, c'è solo una Persona a custodire e condividere.


Last edited by rasnegus on Sun 17/Oct/2010 20:16, edited 2 times in total.

Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Sun 17/Oct/2010 16:16 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Ras Negus,

quello della tribù di Jeudah è verissimo, così come sono veri i discorsi sulla stirpe davidica del Re e quant'altro vuoi.
Ma è anche vero che appare un controsenso dire che sia Dio a regnare quando il Regno storicamente ha avuto fine e non ci sono davididi a regnare politicamente (lo scettro).
E non c'entra proprio, scusami, il dizionario; c'entra il metodo, perchè l'occultamento ha significato la caduta del regno (che avrebbe dovuto essere millenario), nè ha senso dire che regna nelle leggi perchè siamo ben lontani dalla società che il negus ha sempre cercato instancabilmente di promuovere e perchè comunque sia sarebbe passata per un rovesciamento del suo Regno.
Ora, se volete per forza che vi dica che sbaglio, io vi dico che sbaglio, ma non sento un gran peso dell'obiezione, a meno che non si parta da un de fide, che trova le sue ragioni in quanto da te detto, e nei titoli messianici (in linea con l'Apocalisse, anche se pure qui vi è vizio metodologico nel partire di lì, nel momento in cui erano ben note quindi potrebbe essere stato un uso strumentale della Chiesa per blandire un sovrano verso il quale vi erano grandi aspettative dato ciò che aveva dimostrato già prima dell'Incoronazione, altro sarebbe se fosse stata un' apparente coincidenza senzache esse fossero conosciute da parte di chi ha emesso i titoli) che sono stati dati al Negus, ma l'occultamento, la caduta del Regno, il non riconoscimento ufficiale da parte della Chiesa della sua divinità a me paiono un po' in contrasto con l'avverarsi delle profezie, che posso farci?
Le ragioni di pensarlo mi pare che le abbia, non è un discorso di banale avversione, tuttaltro, quindi io direi di chiuderla qua, tanto per chi ha Fede non credo ci sia nessun problema tanto è vero che lo diceva proprio Lui che basta avere Fede come 'un granello di senapa' per 'smuovere le montagne', dunque d'ora innanzi non replicherò più salvo nuove fondate confutazioni scritturali per rispetto a voi tutti.

Buona Domenica.


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Mon 18/Oct/2010 9:16 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Ras Negus,
stavo riflettendo con calma sulle tue argomentazioni, perchè comunque degne di spunti di interesse.
Approfitto per scusarmi con te e con tutti i Rasta se il mio tono può essere parso saccente; ti do la mia parola che è solo lo stile con cui sono abituato a scrivere che è poco formale, ma io ho grande ammirazione del Negus, conosco la sua filiazione salomonica (quindi della tribù di David, di Yeoshua (ovviamente) e andando a ritroso di Yeudah, la grandezza storica e culturale dell'Etiopia e ora che ho più tempo vorrei sottolineare forse un punto che mi era sfuggito.

Abbiamo visto il discorso dell'occultamento e dove non lo vedo scritturale e dove non capisco altresì la necessità di occultarsi da parte del Messia Vivente e Regnante nel discorso che i Santi regnerebbero con lui senza bisogno di farlo in sua vece.

C'è sostanzialmente un altro punto che mi sfugge e che davo per compreso nell'occultamento dato che di esso è conseguenza.
E provo a spiegarmi.
Se fossimo nel Millennio Felice saremmo un'umanità felice, libera dal bisogno e -se non sbaglio- al più perfetto e compiuto grado di umanità, sia come rapporti fraterni sia come tensione mistica.
La situazione internazionale politica, sociale e ambientale è invece gravissima e lo stesso occultamento del Re è significato, ripeto, non solo la caduta dell'Impero ma anni di regime tragico e sanguinario di Menghistu, di cui il Paese ancora subisce le tragiche conseguenze. E questo a Millennio iniziato è per me difficilmente concepibile. Lo stesso ristabilimento dell'armonia uomo/natura è ben lontana da quella situazione nella stessa Etiopia che so benissimo non essere un Paese povero e misero come lo presentano, ma non è nemmeno vicina a quello che si diceva sopra.
Certo, se avesse vinto la Bestia nazifascista avremmo l'Inferno in terra e non è affatto così, siamo messi molto molto molto meglio grazie anche al Sangue dei martiri etiopi e alla grandezza politica del Negus che solo uno che è ignorante in storia non comprende.
Però, anche qui l'Apocalisse non sembra darmi alcuna traccia di un miglioramento progressivo dell'umanità all'interno del Millennio stesso; al contrario pare darmi idea di un'immediata e non graduale realizzazione del Regno di Dio con quel che ne consegue, di cui ho provato ad argomentare sopra.
E forse questo è un punto centrale e legato all'occultamento stesso -su cui posso sbagliare e aver dimenticato qualche passo- e lo esprimo così bruscamente anche per non sviare voi e costringervi al lavoro inutile di indicarmi le Profezie e la Storia della dinastia Etiopica figlia di Salomone e Makeda di Saba, come si accenna nella Bibbia e si sviluppa meglio nel Kebra, che so che per voi è anch'esso libro sacro quindi verità indiscutibile e -per inciso- molto convincente storicamente anche imho nonchè so essere gli Etiopi oggi unico popolo giudaico/cristiano e non pagano/cristiano nello sviluppo storico. Per non parlare di Erodoto, Omero ecc... senza farla lunga.

chiuderei sottolineando un bellissimo titolo messianico del Re (da Ishaiah se non erro) 'Principe della Pace'. Questo, oltre a quello di Moa Anbessa e Negus Neghesti, è veramente quello che, nel mio essere affezionato alla sua persona, dà l'immagine per me più toccante del Re.

Buon inizio di settimana; shalom.


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Wed 27/Oct/2010 19:12 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
Salve fratello,

le tue frasi sono condivisibili e i tuoi dubbi esposti legittimi. Considera però che il Regno Millenario (Parusia, Millenarismo, Chiliasmo) è sì un'epoca di pace e giustizia, ma questo non significa che non esista più il peccato. La possibilità del peccato è legata alla libertà umana, e Dio ci lascia liberi sempre, fino al Giudizio Universale.
Ma, riflettendo, è facile rendersi conto, come daltronde tu stesso rilevavi, che questa epoca, più di ogni altra, ha raggiunto, concettualmente prima e politicamente poi, principi di eguaglianza e pace, rispetto e con-divisione, moralità internazionale e diritti universali: se ciò è accaduto solo ora significa che siamo ad una svolta storica, significa che prima non vi era una Costituzione che garantisse veramente uguali diritti; non esistevano organi internazionali (Onu e OUA di cui HIM fu fondatore), non esistevano prima principi universalmente riconosciuti, non esisteva dialogo ecumenico e intereligioso, non esisteva una consapevolezza africana e/o afroamericana, non esisteva una identità mondiale antirazzista e antifascista. Tutto ciò indica che il Regno del Messia è in atto, ma non significa tuttavia che l'uomo non possa più peccare o che si viva un una fiaba. La libertà di peccare è libertà che deriva dall'amore di Dio, l'errore degli uomini e dei potenti è dovuto alla loro libertà e non fa altro che sottolineare come invece Dio non sbagli mai. Ad esempio: Obama è ora Presidente ed è solo grazie a HIM che oggi un africano può essere Capo di Stato e governare in occidente; tuttavia, anche se Obama è il simbolo della giustizia che viene dall'Africa, non signifca che non possa commettere errori e, gli errori di Obama, dimostrano invece come solo RasTafari non ne abbia commessi.

RasTafarI è il Capo, il Giudice. Il Giudice, venendo in terra nella Regalità, instaura il Regno Millenario; tale Regno dura sino alla fine del mondo, fino cioè al Giudizio Universale, quando di nuovo Dio si mostrerà, questa volta solo per Giudicare. Quindi il Regno del Re Messia è l'inizio della salvezza, il Giudizio Universale è la fine, è il fine: durante il Regno il peccato può esistere, ma non può esistere l'anticristo nazista, perchè il male assoluto viene distrutto da Dio, la libertà invece no, viene anzi garantita.
RasTafari, essendo Capo e avendo instaurato nel mondo la Legge e la Giustizia, si occulta affinchè tale salvezza (la Legge) giunga a noi e sia "utilizzata" da noi; affinchè noi cominciamo a essere liberi e salvi, c'è bisogno che il Liberatore, dopo essere giunto e aver ristabilito la giusitizia, si occulti e osservi sino al tempo deciso, in cui si mostrerà di nuovo e per sempre. Come un padre insegna al figlio e poi si allontana, così Dio: noi figli possiamo credere di essere soli, ma Lui, dopo che ci ha insegnato come comportarci liberandoci dai lacci, si è allontanato continuando a osservarci, continuando a vedere i nostri errori. Sono questi apparenti controsensi dovuti all'errore umano a farti nascere i dubbi ed è l'Amore di Dio a garantire la libertà dell'uomo, fonte di tutti questi paradossi e apparenti contraddizioni. Ti chiedevi infatti come mai si riperpetuassero tali ingiustizie ancora oggi: solo con il Giudizio Universale, quando la Gerusalemme Celeste scenderà coincidendo con e sulla Gerusalemme Terrestre, allora non esisterà più peccato.
Spero di averti risposto esaurientemente.

_________________
www.rastafari-regna.com
www.jah-rastafari.com
www.rastafarionline.com
www.rastaites.com/
http://www.abbayesehaq.com/
http://www.exodus.freetools.it/


Last edited by rasnegus on Fri 29/Oct/2010 10:29, edited 2 times in total.

Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Wed 27/Oct/2010 19:26 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
P.S. Sono quindi 3 le Venute del Signore: la Prima nell'umiltà come Agnello (Cristo Yasus) , la seconda in Gloria come Re (RasTafari) e la terza per Giudicare. Invece molti equivoci e fraintendimenti (e credo anche il tuo) nascono a causa della concezione cattolica: i cattolici, infatti, non rispettano la Rivelazione di Giovanni e credono che la Seconda Venuta di Dio coincida con il Giudizio, senza instaurare il Regno: credono quindi in un Giudizio senza Giustizia, credono che insomma non si purifichi la politica e non si combatta il male, che non ci sia una Gerusalemme Terrestre e quindi nemmeno una Celeste. Apocalisse significa invece Rivelazione e non Giudizio, perchè prima c'è la Rivelazione del Messia nel Suo Regno, poi l'occultamento e poi il Giudizio.

_________________
www.rastafari-regna.com
www.jah-rastafari.com
www.rastafarionline.com
www.rastaites.com/
http://www.abbayesehaq.com/
http://www.exodus.freetools.it/


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 29/Oct/2010 16:28 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Ras Negus,

ti ringrazio delle informazioni, ma a me continua a sembrare una leggera forzatura esegetica: Ap 20, 4 quel 'con il Cristo per i Mille anni' sembra dire il contrario rispetto al fatto che il Cristo necessiti di occultarsi nuovamente addirittura tramite la caduta del Regno politico. Semmai è il versetto 20,7 che può suggerirci spunti in tal senso, tuttavia lì si parla di fin del Millennio quando la caduta dell'Impero non è collocabile assolutamente alla fine
Addirittura il concetto di Prima Resurrezione dei versetti 5-6 sembra indicare anche un ristabilimento della condizione precedente al Peccato Originale per l'assenza della 'Seconda Morte'.
E proprio voi Rasta tenete a dire che è un errore la scissione occidentale tra Materia e Spirito con cui il mondo cristiano occidentale tende a leggere i passi in maniera essenzialmente allegorica e simbolica.

Al di là della mancanza di evidenza scritturale su cui quindi potremmo discutere a oltranza c'è un altro punto.
Che il Messia Regnante torni ad occultarsi non mi sembra in linea con la tradizione profetica dato che la sua nuova e definitiva Missione è regnare e non più insegnare, quello (e tutto il dicorso sulla libertà) è già compreso nella Prima Venuta. Con la Seconda finisce il tempo sacerdotale dell'insegnamento e inizia quello regale.
Poi non voglio farla lunga, ma, credimi, l'Apocalisse l'ho studiata abbastanza per non cadere nei pressapochissimi cattolici.
Detto ciò, in mancanza di passi scritti precisi, ogni interpretazione è legittima e rispettabile (a parte quelle, come nel caso dei cattolici, che non sanno distinguere bene la differenza tra Regno politico Millenario e Giudizio Finale, netto errore esegetico come sottolinei bene tu) quindi credo che nè sia tu a sbagliare nè io...punti di vista.

Un caro saluto, Shalom!


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 29/Oct/2010 18:57 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
Non è questione di punti di vista, ma di Tradizione e Ortodossia da una parte e eresia, cattolicesimo e relativismo dall'altra. Non ci inventiamo nulla e non è vero che la Rivelazione non parla del Regno. L'espressione biblica "regneranno con il Cristo per mille anni" presuppone che Cristo si occulti per farci regnare con Lui. E' la Tradizione a considerare tale la Regalità del Messia. L'apocalittica giudaica antica e dei primi cristiani, protrattasi per la Tradizione Ortodossa etiopica, custodisce tale visione. InI regniamo con Cristo per mille anni, Haile Selassie I è presente, visibile (sia in foto che nelle Sue apparizioni), il Regno non ha avuto successioni. La Rivelazione rivela ciò che è sufficiente a ri-conoscere la venuta del Messia e i tempi finali, ma non significa che se qualcosa sfugge e non viene immediatamente e palesemente espressa dal Libro di Giovanni, allora non esista.
La Bibbia non è un'enciclopedia, lo ripeto. Rispetto la tua visione ma ti invito a considerare che il Regno di Cristo è un regno Universale, che coinvolge tutti. Come fa tutto il mondo a esserne coinvolto? Politicamente? No, sarebbe impossibile, esistono barriere troppo radicate e ramificate. Solo aderendo alla cittadinanza mondiale di cui HIM fu fondatore, solo accettando la moralità internazionale come fondamento e riconoscendosi in un ordine sovranazionale fondato su principi santi; se ci si considera "membri di una nuova razza" (espressione del Re) si aderisce al Regno. Il Regno è allora di tutti. Questa non è astrazione, ma realtà concreta, veramente si vede il Regno e veramente chi vuole la giustiza e la libertà vi aderisce, più o meno consapevolmente.

_________________
www.rastafari-regna.com
www.jah-rastafari.com
www.rastafarionline.com
www.rastaites.com/
http://www.abbayesehaq.com/
http://www.exodus.freetools.it/


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Fri 29/Oct/2010 19:33 

Joined: Sun 10/Oct/2010 7:11
Posts: 192
Ras Negus,

se, come dici, è una Tradizione di Fede essa va rispettata e lungi da me l'impedire ad alcuno di credeci.
Però quando tu dici

'Come fa tutto il mondo a esserne coinvolto? Politicamente?'
I profeti sostenevano che il (futuro) Messia avrebbe costituito il Regno di Sion e che tutte le altre genti vi si sarebbero volontariamente assoggettate (credo che anche qua non servano riferimenti); non si dice che semplicemente ne avrebbero ricevuto lo spirito di giustizia o sarebbero progressivamente migliorate nel tempo storico.
Quindi è un discorso politico, come politico è il vostro discorso della Seconda Venuta in cui il Messia non opera miracoli (o almeno non primariamente) sulle leggi di Natura ma sulle leggi politiche e sullo status quo.
Dunque pensare che una volta stabilito politicamente il Regno esso politicamente cada (come è politicamente caduto l'Impero, perchè, come già detto, l'occultamento è indissolubilmente e storicamente legato alla caduta dell'Impero) anzichè portare le altre Nazioni ad assoggetarvisi non mi sembra così conseguente come dici.
Non so la Tradizione Etiopica, per quanto riguarda l'Occidente non credo che in nessuna patristica vi sia l'idea dell'Occultamento del Messia nel Regno Millenario, nè tantomeno la struttura della frase sembra portare a questa interpretazione.

Per il resto, certo la Bibbia non è un'enciclopedia e se non è in contraddizione con i passi si può ragionarci e aderirvi e quindi mi va benissimo la vostra elaborazione (parola che l'altra volta ha fatto risentire Wolde Negus, ma non è minimamente offensiva come da etimo) esegetica.


Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Sat 30/Oct/2010 12:38 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
1) L' Etiopia è Tsion,

2) Il Tabot (Arca dell'Alleanza) è custodita in Santa Maria di Sion, Axum, Etiopia.

Quindi, che Sion, la Seconda Gerusalemme descritta dalla Bibbia, sia l'Etiopia non c'è dubbio. Che quindi RasTafari sia stato incoronato come Leone di Judah e Eletto di Dio e Luce del mondo sul Trono di Sion è indiscusso. Che l'Arca dell'Alleanza debba apparire a tutti quando il Messia sarà Re, è un'altra profezia biblica avveratasi. Quindi dove è la contraddizione? il Paese che ospita l'Arca è Sion, dice la Bibbia. Se l'Etiopia è Sion perchè ha l'Arca, se l'Etiopia è Sion perchè ha la tradizione giudaica più antica, se è chiamata la Seconda Gerusalemme (Lalibela), se è Sion perchè ha il Trono di Davide (Judah), per quale motivo dovresti dubitare sul Regno di Tsion su cui regna il Messia Haile Selassie I? Storicamente potresti trovare un altro regno o un altro regnante? No, quindi sarebbe un peccato filosofico quello di astrarre dalla realtà storica, dato che le profezie bibliche si avverano nella storia. Sarebbe da farisei conoscere le profezie messianiche e non ri-conoscere quando arriva il Messia. Infatti moderni farisei vogliono costituire lo Stato di Israele fondandolo su presupposti anticristici, ignorando la tradizione e l'Arca dell'Alleanza; falsi giudei fanno vani progetti credendo di poter ignorare la verità e fondare un tempio da se, senza Messia, con la stessa volontà di babilon, quando voleva costruire una torre da sola, senza Dio.

Caro fratello io non parlo in maniera astratta: il regno non è (solo) un miglioramento generale del mondo e basta. Ti ho già detto, spiegato e dimostrato, che senza il Regno il mondo sarebbe sprofondato nell'abisso nazifascista, tu saresti o morto o schiavo; quindi il Regno è l'unica possibilità di vita e di salvezza, concretamente. Se quindi ti ho anche dimostrato che non è solo adesione morale e formale a principi (universalità, Onu Oua Dichiarazione universale, moralità internnazionale etc) ma anche un Regno politico concreto (Sion, Etiopia, Trono di Davide) perchè dubitare di ciò che è? Se Ras TafarI si chiama Potenza della Trinità e regna su Sion custodendo l'Arca dell'Allenza, quale tassello dovrebbe mancare?

_________________
www.rastafari-regna.com
www.jah-rastafari.com
www.rastafarionline.com
www.rastaites.com/
http://www.abbayesehaq.com/
http://www.exodus.freetools.it/


Last edited by rasnegus on Sat 30/Oct/2010 12:56, edited 2 times in total.

Top
 Profile  
 
 Post subject:
PostPosted: Sat 30/Oct/2010 12:48 
User avatar

Joined: Thu 01/Nov/2007 13:40
Posts: 947
"He is the World's Savior. What If Hitler Had Won ? "

"...declaired that World War II was started by the fascist benito mussolini against Ethiopia."

"True King SPIRIT !"


Midnite in "True King"

http://www.youtube.com/watch?v=LA0KvOjm ... re=related

http://www.youtube.com/watch?v=AQRVJay6 ... re=related

"Chi vince io lo porrò come colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non ne uscirà mai più;
scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, e della NUOVA GERUSALEMME
che scende dal cielo da presso il mio Dio, e il mio NUOVO NOME"


Blessed Sabbath

_________________
www.rastafari-regna.com
www.jah-rastafari.com
www.rastafarionline.com
www.rastaites.com/
http://www.abbayesehaq.com/
http://www.exodus.freetools.it/


Top
 Profile  
 
Display posts from previous:  Sort by  
Post a new topicPost a reply Page 1 of 3   [ 51 posts ]
Go to page 1, 2, 3  Next


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum

Search for:
Jump to:  
cron



Free phpBB hosting by ProphpBB | Powered by phpBB | Report Abuse | Privacy